IL NOSTRO OLIO DI OLIVA EXTRAVERGINE
 
OLIVE AL GIUSTO GRADO DI MATURAZIONE
Per ottenere un sapore deciso e aromatico le olive vanno raccolte al 60%- 70% della maturazione completa.
 
COME FACCIAMO L'OLIO
La raccolta viene fatta tassativamente a mano alla giusta maturazione delle olive.
 
AL FRANTOIO
E' importante che le olive arrivino al frantoio max entro le 48 ore dalla raccolta.
Ecco le nostre olive versate nella vasca di raccolta.
 
ALLA MACINA
Ora le nostre olive camminano lungo un nastro trasportatore fino alle grandi macine che le ridurranno un impasto omogeneo.
L'uso delle macine è il metodo più antico nell'estrazione dell'olio.
 
LA PRESSA
L'impasto ottenuto dalla macina viene posto tra dei dischi che a loro vonta vengono impilati e il tutto viene pressato, dai dischi cola l'olio.
Dalla foto ecco una vera spremuta di olive!
Anche questo è il sistema più antico per estrarre l'olio.
 
Separato dall'acqua
Il liquido ricavato dalla pressa viene separato dall'acqua ed ecco finalmente sgorgare il nostro olio!
 
Colore dell'oro
Avvicinatevi un pò....
 
Aroma sublime
Ancora un pò....
Sentite che fragranza?
Il profumo fruttato dell'olio appena premuto è avvolgente ed inebriante,
assaggiarlo su di una bruschetta di pane caldo è come assaggiare millenni di storia dell'olio.
 
LA STORIA DELL'OLIO

Omero lo chiamava “liquido d'oro”. Nell'antica Grecia, gli atleti lo
strofinavano su tutto il corpo. Il suo bagliore mistico ha illuminato la storia.
Gocce di esso si sono infiltrate nelle ossa di santi morti e martiri attraverso
i buchi delle loro tombe.

L'olio extra vergine d'oliva è stato più di un semplice cibo per le genti
del mediterraneo: è stato un medicinale, magico, una infinita sorgente
di meraviglia e la fontana di grande ricchezza e potenza.

L'albero di ulivo simbolo di abbondanza, gloria e pace, ha dato i suoi rami con
foglie a incoronare i vittoriosi nei giochi amichevoli e nelle guerre sanguinose,
e l'olio ha consacrato le teste più nobili attraverso la storia. Corone di olive e rami
di ulivo, emblemi di benedizione e purificazione, erano offerti agli dei e alle
figure potenti: alcune furono addirittura trovate nella tomba di Tutan Kamon.

La coltura dell'olivo ha radici antiche. Resti fossilizzati degli antenati dell'albero
di ulivo sono stati trovati vicino Livorno, datati venti milioni di anni fa, anche
se la vera coltivazione probabilmente non è cominciata in quell'area fino al
V sec. prima di Cristo. Le olive furono prima coltivate nella parte est del
mediterraneo, nella regione nota come “mezza luna fertile” e si è spostata
a ovest attraverso i millenni.

A cominciare dal 5000 a.c. e fino al 1400 a.c., la coltivazione delle olive
si è diffusa da Creta alla Siria, Palestina e Israele. La rete commerciale e
l'applicazione delle nuove conoscenze l'ha quindi portata nella Turchia
del sud, Cipro ed Egitto. Fino al 1500 a.c. la Grecia, in particolare Micene,
era l'area più largamente coltivata.

Con l'espansione delle colonie greche, la coltura dell'ulivo ha raggiunto
l'Italia del sud e l'Africa del nord nell' VIII sec. a.c., quindi si è diffusa
nella Francia meridionale. Alberi di ulivo erano piantati nell'intero bacino
mediterraneo sotto l'impero romano.
Secondo lo storico Plinio, l'Italia aveva “ eccellente olio d'oliva a prezzi
ragionevoli ” già nel I sec. a.c., “ il migliore nel mediterraneo ”, sosteneva.

IL NOSTRO OLIO DI OLIVA EXTRAVERGINE
AZIENDA AGRICOLA
“CASA CELESTINA”
S. ANGELO A SCALA
AV


Ottenuto dalla molitura a freddo con antiche macine che ne garantisce
inalterate tutte le proprietà organolettiche e curative, da olive di prima
qualità, frutto del nostro oliveto.
La raccolta delle olive è fatta a mano alla giusta maturazione, esse
vengono macinate lo stesso giorno per garantire genuinità, fragranza
e bontà dei frutti appena colti.
Ha un gusto deciso e saporito, va usato in cucina per tutti i piatti,
cotti e crudi della dieta mediterranea, ideale anche per fritti gustosi.
Il modo migliore per apprezzarne il sapore e gli aromi e di gustarlo
a crudo su una fetta di pane caldo leggermente tostato.


PROPRIETA' BENEFICHE DELL'OLIO EXTRAVERGINE D'OLIVA

L'olio extravergine d'oliva è la sostanza fondamentale della "dieta
mediterranea".
Le popolazioni del bacino del Mediterraneo l'hanno largamente usato
in cucina, sin dai tempi più remoti, per condire, conservare alimenti,
friggere (l'olio extravergine d'oliva ha un alto "punto di fumo": anche
a temperature di 180-200° C la sua composizione molecolare non si
altera granche e non diventa tossico).
La nostra produzione è la qualità più alta dell'olio d'oliva: quella
extravergine, ottenuta dalla prima spremitura della polpa mediante
procedimenti meccanici e con una presenza di acidità inferiore allo
0,6%. Ricco di acido oleico (l'80% del peso totale), l'acido grasso
più rappresentato nel nostro organismo e detto "scavanger" (spazzino)
delle arterie, è alimento altamente fisiologico per l'uomo, in quanto
inibisce profondamente, durante il metabolismo, la produzione di
radicali liberi ed aumenta le fluidità delle HDL (il cosiddetto colesterolo
buono), rivelandosi, così, un potente antiossidante, anche in virtù di
una forte presenza di vitamina E.
Il gradevole flavor dell'olio extravergine d'oliva, poi, determina nel
tubo digerente riflessi e stimoli che favoriscono una migliore digestione,
dovuta anche al fatto che riesce a stimolare la vescichetta biliare.
L'alto contenuto di polifenoli, inoltre, è elemento benefico per la salute,
mentre la notevole quantità di grassi polinsaturi caratterizza le qualità
nutrizionali dell'olio extravergine.
Il ruolo antiossidante e di protezione salutistica contro l'invecchiamento
cellulare dell'olio extravergine d'oliva apre nuove prospettive da un
punto di vista biologico-nutrizionale e conferma i dati epidemiologici
che indicano una minore incidenza di malattie cardiovascolari e
degenerative nelle popolazioni che usano prevalentemente l'olio
extravergine d'oliva nell'alimentazione




PROPRIETA' SALUTISTICHE
Oggi sappiamo molto di questo gustoso e superbo alimento, possiamo
tramutare in certezze quello che per le nostre nonne era solo
conoscenza tratta dalla tradizione orale.
L'olio extra vergine è un alimento sano e genuino, altamente
digeribile
che agevola la funzione gastrica ed epatica, regolando quella
intestinale.
Uno o due cucchiai al mattino a digiuno possono migliorare la
stitichezza cronica semplice; contribuire al miglioramento del tono
e dell'attività della cistifellea. Ha altresì una funzione protettiva e
preventiva nei confronti di diverse patologie.
Riduce i rischi d'infarto, ipertensione e altre malattie arteriosclerotiche,
mantenendo bassi i livelli di colesterolo cattivo (LDL) e proteggendo
con i suoi acidi grassi monoinsaturi i livelli di colesterolo buono (HDL).
Indispensabile per la pulizia delle arterie. Influisce sul diabete migliorando
il profilo glucidico nel sangue controllando il metabolismo lipidico e
limitando la formazione di sostanze nocive. Importantissimo il ruolo
nei confronti delle patologie tumorali.
Il cancro può essere prevenuto semplicemente modificando le nostre
abitudini alimentari, considerando che il 35% delle neoplasie è causato
da scorretta alimentazione.
Sfatiamo subito il mito secondo il quale l'olio extra vergine d'oliva è
più grasso degli altri oli. L'olio extra vergine d'oliva è sicuramente
più viscoso e saporito quindi se ne può usare una quantità inferiore,
con benefici in termini di apporto calorico.
L'Olio extra vergine è adatto sia per l'anziano che per il bambino
poiché stimola la mineralizzazione delle ossa evitando perdite di
calcio e favorisce l'assorbimento delle vitamine A, D, E, K.
In questo articolo vengono riportati i risultati degli studi compiuti da
un gruppo di studiosi americani, pubblicati sulla rivista Science (1
dicembre 2005).
Le proprietà antidolorifiche dell'olio extra vergine di oliva
Questa ricerca dimostra come l'olio extra vergine di oliva esplichi
una naturale azione analgesica grazie alla presenza di una sostanza,
ribattezzata "oleocantale".
L'olio di oliva, cita l'articolo, ha un profilo anti-infiammatorio e potenza
di azione simile all'ibuprofene e più in generale ai FANS, (farmaci
anti-infiammatori non steroidei) normalmente utilizzati in campo medico
per il loro potente effetto analgesico.
Anche se le due molecole sono strutturalmente dissimili, entrambe le
sostanze producono un'irritazione della gola ed interdicono l'azione
delle ciclo ossigenasi (COX)*.
L'enzima ciclo-ossigenasi catalizza una delle prime tappe della conversione
dell'acido arachidonico in prostaglandine, potenti mediatrici della risposata
infiammatoria.
Una dose da 50 grammi di olio di oliva sembrerebbe fornire
il 10% dell'effetto analgesico prodotto da una dose di ibuprofene. Si tratta
quindi di effetti piuttosto modesti se confrontati con quelli di una singola
dose di antinfiamatori.
Recenti scoperte elevano la possibilità che molte delle proprietà positive
dell'olio di oliva nel combattere alcuni tipi di malattia possano essere
ricondotte alla capacità dell'oleocantale di combattere l'attività delle
cicloossigenasi.






 

Sito Online di Euweb